MASTERS OF FRAME DRUMS

Murat Coskun, Zohar Fresco, Andrea Piccioni, Glen Velez

Stacks Image 1549


THE PROJECT

Four internationally renowned master percussionists join and do, what they can do best: DRUMMING!
Glen Velez (USA), Zohar Fresco (Israel), Andrea Piccioni (Italy) and Murat Coşkun (Germany/Turkey) meet for a “summit of frame drums” and present their unique and literally border crossing project.
Glen Velez is said to be the „Lord of the Frame Drums“, not only because of his 5 Grammy Awards. Furthermore, for many people he is sort of a living legend, for he inspired thousands of percussionists worldwide with his play. He sort of revolutionized frame drum playing like no one before. A living legend without equal, who has been casting a spell over his audience for decades!
Zohar Fresco is also an important and exceptional percussionist. Because of his individual, highly creative and multifaceted play, the Israeli drummer is rated to be the „Virtuoso of Frame Drums“. His innovative and very present play classifies him as a master of his art. Concerning sound, he always comes up with surprising tones and fascinates his audience at any time.
Andrea Piccioni, is the „Maestro of Tamburello Total“. Hardly no one masters the Italian tambourine play like he does, when breathing new life into these ancient instruments. His groove on the tambourines is constantly convincing, no matter if he tours with Bobby Mc Ferrin or links Italian traditions together with musicians from Arabia.
Murat Coşkun, the „Dervish of Frame Drums“ is a musical ambassador, who unifies with his projects the most diverse cultures worldwide. He scoops his inspirations from the tradition of the Sufi music, and introduces these facets of the frame drums into the quartet, by means of his sensitive, and at the same time imaginative play.
The four musicians offer a program full of contrasts, moving between compositions and improvisations. They engender a firework of rhythms and grooves. Unexpected sounds and changing atmospheres let arise intense and contemplative moments, alternating with humorous performances.
Their first common tour, eagerly awaited by all the lovers of percussion!

Quattro percussionisti di fama mondiale si incontrano per la prima volta per condividere la loro comune passione per i frame drums!
Glen Velez (USA), Zohar Fresco (Israele), Andrea Piccioni (Italia) e Murat Coskun (D / Turchia) presentano il loro spettacolo / evento in anteprima, un vero e proprio “Incontro al vertice dei tamburi a cornice”.
Glen Velez, riconosciuto unanimemente come il ”Signore dei frame drums”, vincitore di ben 5 Grammy Awards. Una leggenda vivente che ha ispirato migliaia di percussionisti, colui che ha rivoluzionato il modo di concepire i frame drums. Una icona senza pari, che incanta da decenni il pubblico di tutto il mondo.
Zohar Fresco, il “Virtuoso dei frame drum". Un percussionista straordinario dotato di una tecnica sopraffina, che unisce al virtuosismo tecnico il lirismo della sua voce e l’intensità delle sue composizioni.
Andrea Piccioni, il "Maestro del tamburello”. Colui che ha influsso nuova vita e nuove possibilità in questo antichissimo strumento. Il suo tamburello può sostenere il groove jazz con Bobby McFerrin, oppure connettere le ancestrali ritmiche italiane con musicisti orientali.
Murat Coşkun, il “Derviscio dei frame drums“ è una ambasciatore musicale che unisce le diverse culture del mondo con i suoi progetti e la sua musica. Il suo drumming trae la sua ispirazione dalla tradizione della musica sufi, unito al suo gusto e alla sua fantasia.
I quattro maestri offrono al loro pubblico un programma ricco di contrasti tra composizioni, improvvisazioni e fuochi d'artificio di ritmi e groove. Voci ancestrali, suoni inattesi, intensi, a tratti contemplativi e non privi talvolta di ironia, del non volersi prender troppo sul serio e lasciare che l’intensità del suono dei frame drums conduca essi e il pubblico in un luogo di condivisione spirituale ed emotiva.
Il loro primo tour insieme, lungamente atteso da tutti gli amanti delle percussioni.

Vier international renommierte Spitzen-Percussionisten tun sich zusammen und machen das, was sie am besten können: TROMMELN!
Glen Velez (USA), Zohar Fresco (Israel), Andrea Piccioni (Italien) und Murat Coşkun (D/Türkei) finden sich zu einem „Gipfeltreffen der Rahmentrommeln“ ein und präsentieren ihr einzigartiges und wahrhaft Grenzen überschreitendes Projekt.
Glen Velez gilt nicht nur wegen seiner 5 Grammy-Preise als „Lord of the Frame Drums“. Vielmehr ist er für viele eine lebende Legende und hat weltweit Tausende von Percussionisten durch sein Spiel inspiriert und beeinflusst und das Spiel auf der Rahmentrommel wie kein anderer revolutioniert. Eine lebende Legende ohne seines gleichen, der seit Jahrzenten seine Zuhörer in ein Bann zieht!
Zohar Fresco ist ebenso ein wichtiger Ausnahme-Percussionist. Mit seinem individuellen, höchst kreatives und facettenreichen Spiel gilt der israelische Rahmentrommler als „Virtuoso of Frame Drum“. Sein innovatives und sehr präsentes Spiel macht ihn uneingeschränkt zu einem großen Meister seines Faches. Klanglich bietet Fresco stets überraschende Klänge und fasziniert die Zuhörer.
Andrea Piccioni, Dritter im Bunde, ist der „Maestro of Tamburello Total“. Kaum einer beherrscht die unterschiedlichsten Traditionen des italienischen Tamburin-Spiels so wie er und haucht den uralten Instrumenten eine moderne Seele ein. Sein Groove auf den Tamburelli ist bestechend, ob er mit Bobby Mc Ferrin tourt oder mit arabischen Musikern die italienische Tradition vereint.
Murat Coşkun, der „Dervish of Frame Drums“ ist ein musikalischer Botschafter, der mit seinen Projekten weltweit die unterschiedlichsten Kulturen vereint. Er schöpft seine Inspirationen aus der Tradition der Sufi-Musik und bringt diese Facette der Rahmentrommeln durch sein einfühlsames und gleichzeitig ideenreiches Spiel in das Quartett mit ein.
Die vier Musiker bieten ein kontrastreiches Programm zwischen Kompositionen und Improvisationen und lassen ein Feuerwerk an Rhythmen und Grooves entstehen. Unerwartete Klänge und wechselnde Stimmungen lassen intensive und kontemplative Momente entstehen, die sich mit humoristischen Einlagen abwechseln. Die erste gemeinsame Tour, auf die alle Percussion-Liebhaber gewartet haben!


ARTISTS


Glen Velez

Stacks Image 67

Four time Grammy Award, winner, Glen Velez is the founding Father of the modern frame drum movement and is regarded as a legendary figure among musicians and audiences world-wide. Velez brought a new genre of drumming to the contemporary music scene by creating his own performance style inspired by years of percussion and frame drumming studies from various cultures. Velez’s virtuosic combinations of hand movements, finger techniques, along with his original compositional style, which incorporates stepping, drum language and Central Asian Overtone singing (split-tone singing), has undoubtedly opened new possibilities for musicians around the globe, resulting in a shift in modern percussion. In 2014, Glen was inducted into the Percussive Arts Society's Hall of Fame.
www.glenvelez.com


Zohar Fresco

Stacks Image 1141

Born in Israel to a family with deep roots in Turkey and as a descendant of Tamburi Izhak Fresco, remarkable, well known Jewish Turkish composer who lived in 18th-19th centuries, Zohar was drawn to music at an early age and revealed a major influence of the music of his origins.
Fresco understood the great value and the wide musical range that exists in the tof miriam and dedicated his life to the development of a new fingering technique and a unique musical language by the name MANEGINA. In doing so Fresco created his own drumming style and became a mentor to musicians all over the world who followed him, learned the secrets of his musical method and adapted his drumming style in their musical work.

www.zoharfresco.com


Andrea Piccioni

Stacks Image 1143

Andrea Piccioni is a master performer on frame drums and author of a technical and stylistic renewal on the Italian tamburello, has crossed with his style the boundaries of jazz, world, and early music.
He touring worldwide with artists such as Bobby McFerrin, Paul McCandless, Gianluigi Trovesi, Wu Man, Basel Rajoub, Luciano Biondini, Manfred Leuchter, Lucilla Galeazzi, Dónal Lunny, Caitriona O'Léary, Les Haulz et Les Bas. It is also a popular teacher at major festivals, universities and conservatories around the world.

www.andreapiccioni.net


Murat Coskun

Stacks Image 81

Based on his study of music ethnology and his Oriental studies, he serves as an intermediary between the musical worlds of the Orient and the West, draws from a large music repertoire of the most varied of cultures and deals with many directions of style such as Jazz, world music, early music, classics and experimental percussion.
Numerous CD recordings and radio productions such as with the SWR and Deutschland Radio and TV productions such as for ZDF, ARTE, BR and SWR provide an extension of his artistic career. In addition, he also composes film and stage music. Murat Coskun is the founder and director of the international frame drum festival
Tamburi Mundi which he organizes since 11 years in Freiburg (Germany).

www.murat-coskun.eu



MEDIA





NEW CD RELEASE MASTERS OF FRAME DRUMS

Murat Coskun, Zohar Fresco, Glen Velez, Andrea Piccioni

View More
ALT text




OUT ON 6 april 2018
by
Pianissimo record, DE


Price: 16,-€ (plus 3,50 forwarding expences)

Stacks Image 1677
Stacks Image 1679
Masters of Frame Drums Stallet, Stockholm, April 18 2018
Masterful percussionists playing off the beaten path


Concert review from lira.se
Masters of Frame Drums at Stallet.
Written by Rasmus Klockljung
Translation by Daniel Ahlman


When speaking in terms of ”super groups”, one generally refers to solo artists or frontmen/ women from different well known bands who converge in new constellations. But this expression is just as suitable in order to describe the quartet – that, according to themselves, is the only ensemble of their kind – who visited Stallet during their first tour.
The group consists of artists that might not be too well known to a mainstream audience, but they are definitely superstars in the world of Frame drums.
Zohar Fresco from Israel has created a drumming style of his own, which is filled to the brim with blazingly fast finger playing. Over the years, he has collaborated with Ross Daly, Kelly Thoma, Efrén Lopez and many more. Also, he has worked in a trio consisting of himself, the Polish jazz pianist Leszek Możdżer and the Swedish bass and cello player Lars Danielsson.
Andrea Piccioni masters the italian tambourine – the tamburello – in all of its regional variations and playing styles like no one else and performs frequently in a vast amount of collabs with Italian folk musicians, early music ensembles, the vocal acrobat Bobby McFerrin and many more.
Murat Çoskun, a German with a Turkish background, plays everything from baroque music to traditional music of the Middle East – often in contexts where these musical styles and traditions are combined.

Lastly, we have Glen Velez from the US – a living legend who is considered as the one who invented modern frame drumming during the eighties by combining playing styles from India, Northern Africa, Italy, the Middle East and many other places. His curriculum vitae is more or less an encyclopedia of successful artists and composers and includes Steve Reich, Pat Metheny, John Cage, Suzanne Vega along with a number of symphony orchestras – just to mention a few examples.

The ensemble and their music can seem somewhat esoteric, so one might expect that their audience would consist solely of fellow drummers. And, yes, many of Stockholm’s finest percussionists are in the crowd during the concert, but they are in the good company of other people as well; so many that the room is almost full. Quite surprising, to many of those I talked to after the concert – and most condign.
Because this is much more than a percussion orgy. Certainly, there are many of us in the audience who are blown away by the display of extraordinary playing skills – but it is music, before anything else, that is being performed. Just about everything played by the quartet is composed by themselves – sometimes with room left for improvisation and sometimes the group are guided by musicals scores. Pieces performed by the entire group are layered with solo and duo pieces, while a number of ensemble compositions are combined into medleys that are woven together with solos. That type of dynamic is definitely important in order to not make the experience too overpowering.

I count a total of 18 frame drums and tambourines, of all sorts and sizes, along with various other instruments on stage. Already in the opening piece – ”Penance Creek” – four large frame drums, two tamburelli and the Middle Eastern tambourine called riq are used. Also, three of the musicians sing wordlessly, which gives a taste of the variety that is present during the whole concert. This is followed by Fresco sings a traditional sephardic tune, in his gentle voice – accompanied by himself and Çoskun on different frame drums.

The four solo performances that are sprinkled over the programme really shows the group members’ versatility. Piccioni delivers an incredibly groovy piece on the tamburello, which has been equipped with a small lapel microphone in order to bring out the bass tones of the drum, and rocking rhythms come clattering in combination with melodic phrases. Velez uses a large bodhràn on which he blends ostinatos and complex rhythms, while adding overtone singing and spoken rhythms.
Çoskun performs a ten minute long solo piece on the daf, a large kurdish frame drum with rattling metal rings inside, where he shifts between different playing techniques and rhythms, while singing a Turkish song. Fresco’s solo performance, of about the same lenght, is a grand display of his incomparable skills – but at the same time, he makes it all look ridiculously relaxed and simple.
Here and there, other instruments than frame drums appear on stage. For example when Velez plays the sansula – a thumb piano – and performs a solo piece on a pair of shakers. Or when Piccioni plays a solo on bones, accompanied by Çoskun on a pair of large wooden spoons – and when the latter performs on the Hang, a melodic metal percussion instrument.
All of this is woven together in a long suite, starting with a bass line which is, of course, performed on four frame drums.
In the last piece of the concert, everyone on stage plays the riq – a small Middle Eastern tambourine. And even when playing the same type of instrument, the unique and personal style of each member becomes evident – especially when they take turns playing solos.

The group’s name might sound a bit cocky – but it is fitting indeed. And judging from the audience’s reactions after a near two hour long concert, everyone in the room agrees that the quartet consists of true masters.
MuratCoşkun, ZoharFresco, Glen Velez, AndreaPiccioni–MastersOf FrameDrums(PianissimoMusic CmbH,2018)
page1image1739552
page1image1737760

  • Accomunati dall’amicizia e dal desiderio di esplorare le potenzialità espressive dei tamburi a cornice, il turco Murat Coşkun, l’israeliano Zohar Fresco, lo statunitense Glen Velez e l’italiano Andrea Piccioni ovvero quattro tra i più apprezzati ed autorevoli percussionisti al mondo, hanno dato vita al progetto “Masters Of Frame Drums”. Dopo i grandi successi raccolti sui palchi di tutto il mondo, questo all star quartet ha deciso di cristallizzare questa fortunata esperienza artistica dando alle stampe l’album omonimo, un opera prima che coglie in modo sorprendente tutto il fascino dei loro live act e nel contempo esalta l’incrocio tra timbri, ritmi e culture differenti. Si tratta di un lavoro che si muove attraverso coordinate sonore differenti, mescolando la tradizione musicale del tamburo a cornice italiano di cui profondo conoscitore è Piccioni con i suoni mediorientali di Fresco e i ritmi sufi portati da Coşkun, a cui si aggiunge la forza evocativa delle musiche sciamaniche di Velez. Ad accompagnarci alla scoperta di questo progetto è proprio il percussionista italiano, ascoltato recentemente anche al fianco di Riccardo Tesi & Banditaliana in “Argento”, ed al quale non abbiamo mancato di fare qualche domanda sulla sua formazione e sul suo articolato percorso artistico.
    .
Partiamo da lontanissimo. Com’è nata la tua passione per le percussioni ed in particolare per i tamburi a cornice? È qualcosa che ho sempre avuto dentro, sono una persona tendenzialmente introversa e il ritmo è il linguaggio attraverso il quale riesco ad esprimere al meglio le emozioni, a trasformare le energie che ho dentro, a sublimarle in qualcosa di positivo e creativo. Attraverso il ritmo ho imparato a conoscere le possibilità del mio corpo e come utilizzarle; l’atto di suonare con gli altri, in quanto linguaggio corporeo e non verbale, mi permette di accedere all’essenza della persona che ho di fronte e con cui condivido l’atto di suonare e contemporaneamente di mostrarmi per quello che sono, senza filtri. Lo stesso può accadere quando suoni in pubblico, in quel momento si è “nudi”, il pubblico può sentire molto chiaramente se sei arrogante o sbruffone o appassionato o distratto, la musica mi ha insegnato ad essere reale e presente.
Ci puoi raccontare il tuo percorso di formazione?
Sono cresciuto circondato dall’arte, mio padre è un artista: pittore, scultore, restauratore, fin da piccolo sono stato esposto a colori e materia come legno e pietra, lui mentre crea è sempre immerso
page1image1742912
nella musica, classica prevalentemente. All’età di 18 anni ho cominciato a studiare le percussioni afro cubane, ma sentivo che non era quella la mia strada, poi un giorno mi capitò per le mani un cd di un percussionista americano di nome Glen Velez, e sentii per la prima volta il suono dei tamburi a cornice, fu una folgorazione! Da quel giorno mi misi alla ricerca di quei suoni che qualcosa dentro riconobbe come parte di me, mi innamorai soprattutto di quelli che considero come l’estensione della mia anima: il tamburello e il grande tamburo a cornice senza sonagli. In seguito ebbi la fortuna di incontrare, scambiare ed apprendere da molti straordinari maestri. Nel corso degli anni ho cercato di creare una sintesi di tutto quello che avevo appreso dai miei incontri con maestri di musica tradizionale Italiana, rinascimentale, barocca, persiana, indiana, turca, azera, sviluppando la mia tecnica e il mio set che è per l’appunto una summa di tutti questi elementi.
Quali sono state le tue principali esperienze artistiche? Molto dure agli inizi della mia carriera. Quando venivo chiamato in un nuovo progetto mi presentavo con la mia brava borsa con dentro i tamburelli e tamburi a cornice, e sistematicamente mi sentivo dire “bello eh, ma non avresti delle congas, o magari il cajon”? oppure “ma suoni la cassa con il tamburello”?... Così ad un certo punto ebbi l’occasione di iniziare delle collaborazioni fuori dall’Italia, provai, sempre con la mia
borsa al seguito e... miracolo! Da li ho iniziato una sorta di carriera di “emigrante in patria”, che vuol dire che vivo in Italia (e ci mancherebbe) ma oramai da molti, troppi anni, lavoro quasi esclusivamente all’estero. Ho la fortuna di lavorare trasversalmente in molti generi musicali, con artisti straordinari della world music come Wu Man dalla Cina, Sirojiddin Juraev dal Tajikistan, Homayun Sakhi dall’Afghanistan, Dónal Lunny dall’Irlanda. Oppure in ambito classica/antica come l’Ensemble Les Hault et Les Bas dalla Germania. Non ultimo ho avuto l’onore di collaborare in progetti con alcuni miei idoli del jazz come Paul McCandless, Gianluigi Trovesi, Bobby McFerrin, giusto per citarne alcuni... e tutto questo con i miei amati tamburi a cornice, senza dover accettare compromessi e anzi essendo valorizzato proprio per il mio essere Italiano e tamburellista, cosa che sento e vivo con orgoglio e passione.
Purtroppo l’Italia continua ad essere una meta lontana da un punto di vista di progetti musicali di livello, ma io ce la sto mettendo tutta e spero di riuscire a combinare qualcosa di buono anche qui prima o poi.
Quanto è importante per te l’attività didattica? Enormemente importante, è qualcosa che faccio con passione e dedizione. Le possibilità di crescita e di espressione sono innumerevoli e ogni persona che hai di fronte deve essere accompagnata nel trovare le proprie nel rispetto dei suoi tempi, questo per me è il compito dell’insegnante, è un onore e un onere e bisogna saperli accogliere entrambi. L’obiettivo della pratica per me va oltre il mero sviluppare una determinata capacità tecnica come la velocità o il fraseggio, bensì il realizzare un proprio spazio creativo in cui essere te stesso e sviluppare la tua propria unicità attraverso una pratica costante e gioiosa.
Ci puoi parlare del tuo metodo di insegnamento dei tamburi a cornice?
Ho sviluppato nel corso degli anni una mia tecnica e metodologia didattica che unisce diversi elementi fra cui la tecnica di solfeggio indiano e la pratica delle arti marziali come l’Aikido e il Tai Chi, con l’obiettivo di lavorare per unificare la mente ed il corpo abbattendo tutte le tensioni fisiche e psichiche insite nella pratica di questi difficili strumenti a percussione.
Il tamburello è una sintesi perfetta di questa idea che ho applicato a tutti i miei strumenti. Il tamburello è uno strumento completo, che merita di sedere al fianco dei grandi strumenti a percussione come le tabla indiane o il tombak persiano, che richiede anni di pratica per essere compreso e sfruttato in tutto il suo potenziale, io propongo uno sviluppo graduale che unisce il linguaggio onomatopeico con un attendo studio della relazione mente-corpo-strumento, in sostanza un approccio totale.


Come nasce il progetto The Masters of Frame Drums?
Dall’amicizia e dalla comune, bruciante passione per i frame drums. Sono strumenti che stanno godendo di una enorme popolarità negli ultimi anni, ma in genere noi che li suoniamo già da un po’ ci conosciamo più o meno tutti, dato che giriamo per gli stessi festival e raduni presenti oggi un po’ ovunque. Personalmente amo confrontarmi con persone che condividono la mia stessa passione, e la curiosità e la gioia di vedere cosa combina l’altro con uno strumento simile o uguale al tuo prevale sempre sull’aspetto più banale della competizione, posso dire che la maggior parte dei miei amici è gente che suona i miei stessi strumenti.
Glen Velez, Zohar Fresco e Murat Coşkun sono prima di tutto delle persone a cui voglio bene umanamente e credo che il sentimento sia ricambiato. Il progetto è nato con l’intento di provare a scrivere musica originale per tamburi a cornice, facendo confluire all’interno le nostre differenti visioni musicali e stilistiche.
Ci puoi raccontare com’è nato il disco?
Il disco è nato contestualmente al nostro primo tour in Europa nel 2017, che ha visto proprio la sua genesi in Italia. Abbiamo fatto una residenza di una settimana a Cosenza in cui abbiamo arrangiato le composizioni che ognuno di noi ha portato e abbiamo avuto il nostro debutto al Teatro dell’Acquario di questa splendida città. Ci tengo a ringraziare ancora l’associazione che si occupa del teatro per averci fortemente voluto, spero di tornare da voi per il secondo disco! Al termine del tour, quindi dopo aver ampiamente suonato e testato i brani dal vivo, siamo entrati in studio a Freiburg in Germania e in due giorni è nato il disco.
Come avete scelto i brani da incidere?
Ognuno di noi ha portato due sue composizioni originali, ripartite fra brani per quartetto e duetti, oltre ovviamente ad un momento di solo per ciascuno.
Il disco è stato suonato quasi tutto come in concerto, tutti insieme e praticamente quasi senza editing e sovraincisioni.
Come si è indirizzato il vostro lavoro in fase di arrangiamento? L’idea alla base del progetto è quella di valorizzare non solo l’aspetto ritmico di questi strumenti, ma enfatizzarne quello melodico. Ci sono momenti molto diversi nel disco che rispecchiano le nostre rispettive visioni della musica, Il brano “Penace Creek” di Glen ad esempio ha al
suo interno degli elementi tipici della musica minimalista e dei lavori di Steve Reich (con cui Glen ha lungamente collaborato), la composizione di Zohar “Paam Maam” è ispirata ai nove mesi di gestazione del bambino nel grembo materno, un brano in 9 in cui il beat è mutevole e cangiante come il movimento del feto all’interno del fluido in cui è immerso. Il pezzo “Reflections” di Murat è un dialogo melodico e intenso su un lento beat in 7 generato da tamburi intonati che suonano linee di basso, handpan, kalimba e overtone singing. Oppure il mio brano “Mandala”, ispirato ai dipinti di sabbia colorata in forma concentrica tipici della tradizione buddista tibetana e hindu.
Quali sono state le difficoltà che avete incontrato nell’arrangiare i brani?
Personalmente non parlerei tanto di difficoltà ma più di sfida e sperimentazione. Lo sforzo che abbiamo fatto è stato di concentrarci sul creare un sound che rappresentasse il gruppo, cosa non così scontata quando hai delle personalità così forti all’interno di una band. La voce è un altro elemento che ci caratterizza molto individualmente, sia utilizzata come elemento ritmico- percussivo sia per la creazione di melodie attraverso il canto, quindi nella realizzazione dei brani abbiamo cercato di creare una sintesi fa questi elementi vocali alla ricerca anche qui di un sound di gruppo.
Ascoltando il disco, ciò che colpisce è la vostra capacità non solo di sviluppare trame ritmiche originali ma anche una particolare cura per l’aspetto melodico. Come avete lavorato in questo senso?

page3image1751424

Attraverso la condivisione del medesimo linguaggio, il linguaggio ritmico-melodico che utilizziamo ci aiuta a tessere le melodie del ritmo e condividerle reciprocamente, melodie alle quali poi ognuno porta il suo contributo. Il breve la nostra lingua comune nasce come una sorta di fusione fra il linguaggio onomatopeico dei tamburi che suoniamo (Dum, Pa, Ta, Ka) unito a elementi e concetti ritmici avanzati di musica indiana al quale poi ognuno di noi ha apportato le sue modifiche e personalizzazioni, ma nella sostanza rimane la stessa
lingua, questo ci aiuta a comprenderci in profondità e a compenetrare l’essenza del brano.
Ci puoi raccontare come sono i concerti del progetto Masters Of Frame Drums? Dal mio punto di vista ci sono momenti in cui ci sentiamo come quattro bambini al parco giochi alternati a momenti di grande lirismo, di profonda meditazione e di impennate ritmiche furiose, ma io sono sul palco, dovremmo chiederlo a
qualcuno che ci guarda da fuori...A tal proposito se avete voglia di vedere dove suoneremo, dare un’occhiata a qualche video del gruppo, ascoltare in anteprima i brani, acquistare il disco o semplicemente dare uno sguardo a chi siamo e cosa facciamo potete farlo visitando il nostro sito web http://www.mastersofframedrums.com


Murat Coşkun, Zohar Fresco, Glen Velez, Andrea Piccioni – Masters Of Frame Drums (Pianissimo Music CmbH, 2018) Recensione CD
L’originale drumming ispirato alla tradizione sufi del “derviscio dei frame drums” Murat Coşkun, i virtuosismi tecnici e il lirismo della voce dell’israeliano Zohar Fresco, il suono iconico dei riti degli sciamani d’america di Glen Velez e le ritmiche della musica popolare italiana uniti alle sue esperienze in ambito jazz di Andrea Piccioni, sono questi gli ingredienti di “Masters Of Frame Drums”, album nato dall’esperienza maturata dal vivo di questo quartetto di straordinari percussionisti, accomunati dal desiderio di spostare sempre più avanti i confini della ricerca sonora nell’utilizzo dei tamburi a cornice. Incrociando i rispettivi repertori e backgroud artistici, i quattro percussionisti hanno messo in fila undici brani che, nel loro insieme, compongono un viaggio sonoro attraverso latitudini e longitudini differenti che attraversa in lungo ed in largo il Mediterraneo per approdare in Asia e poi America. L’ascolto conserva intatto il fascino dei loro concerti con i quattro maestri che si immergono in una vasta gamma di sonorità che spazia dalle ritmiche rituali a quelle più lievi e solari, il tutto impreziosito da una tensione continua verso l’improvvisazione e la ricerca di soluzioni sempre più originali. Tamburi italiani, bodhran, riqq, sasula, hang, bendir, tamburi a cornice accordati, si accompagnano all’utilizzo di body percussions, foot steps, e shaker componendo affreschi sonori in cui perdersi letteralmente. Durante l’ascolto, il quartetto si scompone e si ricompone brano dopo brano, spaziando dagli assoli al duo, passando per il trio, fino a ritrovare la composizione originaria della line-up. Le sorprese, dunque, non mancano a partire dall’iniziale “Penance Creek”, brano composto da Velez ed ispirato all’idea di purificazione attraverso l’acqua, nelle cui trame si colgono gli echi del potere sciamanico dei tamburi a cornice, esaltati dal dialogo tra i quattro percussionisti. Se dalla tradizione sefardita arrivano il canto per le nozze “Shecharchoret” con protagonisti Fresco e Coşkun e quel gioiello che è “Paam Maim” il cui ritmo circolare rimanda ai nove mesi della gestazione materna, al brano iniziale è ispirata “The Hunter” in cui il percussionista turco dà vita ad una funambolica performance con voce e tre tamburi. Quel gioiello che è il duetto tra Velez e Piccioni “Conversazione per due tamburelli” che, come scrive Stefan Franzen nelle note di copertina, “rimanda al dialogo tra padre e figlio”, ci introduce alla pregevole e meditativa “Reflections” di Coşkun con il quartetto al completo ad esplorare architetture ritmiche di incredibile bellezza. Il solo di tamburello di Andrea Piccioni “Jingle Jungle”, ripresa da una esibizione dal vivo e nella quale si intrecciano tarantella, blues e funk, ci conduce a “Mandala” che tra suoni e colori differenti rimanda al ritmo circolare e concentrico della tradizione religiosa buddista ed hindu. “Grounded” con il riqq di Coşkun a dialogare con i tamburi di Piccioni, Fresco e Velez, e il solo di bodhran “Simbiosis” del percussionista americano suggellano un disco prezioso da ascoltare con attenzione.
CD REVIEW: by Stefan Franzen for Badische Zeitung, Friday, 13th of April 2018
Translation: Sandra Geller Liebig

“These four wizards of percussion could be already admired together on stage by frequent Tamburi Mundi visitors. Now, this master summit of the festival director Murat Coşkun and his mentor Glen Velez from USA, together with the Israeli Zohar Fresco and the Italian Andrea Piccioni, can be enjoyed on CD. In this compilation everyone's own characteristics are highlighted: Glen Velez acts out to his inclination to Shaman music in the composition Penance Creek. Fresco counts on Sephardic traditions, sounding them out with a remarkably sensitive voice in the song Shecharchoret. The fact that even a pure percussion CD can scoop out a whole palette of sound colors is shown by Velez and Piccioni in their percussive dialogue between the Arabian riqq and the South-Italian tamburello. Eventually, melodic elements take effect in the mystical piece Reflections framed by hang, overtone singing and tuned frame drum. The intensity of the strong merging of these four master percussionists can be retraced in the play of the complex nine beat of Paam Maim.”


Murat Coşkun, Zohar Fresco, Glen Velez, Andrea Piccioni: Masters Of Frame Drums (Pianissimo, 2018).
















PAST CONCERTS

Brüssel (BG), Muziekpublique
Freiburg (Brsg.) (GE), Christuskirche

Stockholm (SW), Stallet
Mannheim (GE), Popakademie Baden-Württemberg
Basel (CH), Musik-Akademie Basel, Neuer Saal
Offenburg (GE), Salmen
Cosenza (IT) Teatro dell'Acquario
Freiburg (GE), E-werk

MASTERCLASS AND WORKSHOP

In addition to their live performances, the group of 4 musicians are committed and dedicated teachers of all aspects off frame drumming.

They have created a unique format for their individual workshop/classes:
“Rhythms in Three”, “Rhythms in Five”, “Rhythms in Seven”

are typical workshop titles, clearly presenting the options to students.
Each one of the four players focuses on a different rhythmic time cycle, for example 3, 4, 5, 7, or 9. Since these cycles are the framework of all music, this approach allows for a deep exploration of these universal ways of organizing rhythm.
Different cultures such as Arabic, Turkish, Indian, Italian and Central Asian create exciting frame drum rhythms and variations using this rhythmic framework.
Along with sharing their knowledge of the traditional material, each player gives insight into their own way of navigating through the endless possibilities rhythm provides.
Within that context the players teach basic to advanced frame drum techniques. Students can choose which cycle is of interest and receive an in-depth introduction.


For info and booking please send an email using the contact form below.



CONTACT